lunedì 15 febbraio 2016

I Bio-Secolari del Parco Nazionale - 2^ edizione

Riproponiamo grazie a Marta la passeggiata dedicata agli alberi secolari, quest'anno nel territorio di Stia.
Vi comunichiamo lo spostamento della data al 6 Marzo a causa di condizioni meteo avverse. La modalità di realizzazione per il 6 Marzo rimane la medesima....vi aspettiamo 


Info e Prenotazioni al 3200676766 (Marta).
Contributi: € 4,00 ( soci Biodistretto ), € 7,00 ( non soci ), bimbi gratis.
Per la realizzazione dell'attività è richiesta la prenotazione.

giovedì 11 febbraio 2016

Scambio semi a Biforco

http://media.urbanpost.it/wp-content/uploads/2014/04/Scambio-semi.jpeg

Domenica 14 Febbraio è stato organizzato presso il Centro Culturale di Biforco (C.C.B.) uno scambio di semi e di esperienze, curato da José Buscema e Loris Guidi.

PROGRAMMA:
- Dalle 15:00: inizio scambio semi e metodi di coltivazione;
- Dalle 16:00: Loris ci racconta delle esperienze di produzione di sementi e di tecniche applicate
inspirate alla Permacultura, orientate all'arricchimento nutrizionale delle varietà agricole locali;
- Dalle 17:00: lettura e proiezione di temi riferenti all'agricoltura, il suo impatto nell'ecosistema, metodi di rigenerazione del terreno, concimazioni naturali...
- Dalle 19:00: cena condivisa (portate qualcosa) per chi vuole rimanere in compagnia.
Lo scambio dei semi si potrà continuare durante tutto l'evento (ci saranno dei tavoli disponibili per la mostra dei semi).

Per info telefonare a Josè 3450850919

Seminario partecipativo su sviluppo locale ed economie solidali

Nel corso del 2015 abbiamo partecipato ad alcuni incontri con l'Università di Firenze e il percorso ha portato a questo evento organizzato in collaborazione con Università di Firenze, Ecomuseo del Casentino e G.A.S. Casentino. Siete tutti invitati a partecipare e a portare il vostro contributo di idee!


Sabato 13/02/2016 ore 14,30 - 18,00 
presso l'Auditorium della Scuola Primaria di Poppi
via Colle Ascensione 3, Poppi.

mercoledì 10 febbraio 2016

Il Bio-Distretto per la CETS

Cosa è la CETS:

La Carta Europea per il Turismo Sostenibile nelle Aree Protette ( CETS ) è uno strumento metodologico ed una certificazione che permette una migliore gestione delle aree protette per lo sviluppo del turismo sostenibile. [..] L'obiettivo è la tutela del patrimonio naturale e culturale e il continuo miglioramento della gestione del turismo nell'area protetta a favore dell'ambiente, della popolazione locale, delle imprese e dei visitatori. [..]
I Principi della Carta

La CETS è basata su 10 principi, che tutti i partecipanti al processo della Carta sottoscrivono e che ispirano tutte le azioni della Carta.
1. Lavorare in Partnership: coinvolgere tutti coloro che sono implicati nel settore turistico dell'area protetta, per il suo sviluppo e la sua gestione
2. Elaborare una Strategia: predisporre e rendere effettiva una strategia per il turismo sostenibile ed un piano d'azione per l'area protetta con la responsabilità di tutti gli attori coinvolti
3. Tutelare e migliorare il patrimonio naturale e culturale: proteggere le risorse da un turismo sconsiderato e ad alto impatto
4. Qualità: garantire ai visitatori un elevato livello di qualità in tutte le fasi della loro visita
5. Comunicazione: comunicare efficacemente ai visitatori le caratteristiche proprie ed uniche dell'area
6. Prodotti turistici specifici locali: incoraggiare un turismo legato a specifici prodotti che aiutino a conoscere e scoprire il territorio locale
7. Migliorare la conoscenza, formazione: potenziare la conoscenza dell'area protetta e dei temi della sostenibilità tra tutti gli attori coinvolti nel settore turistico
8. Qualità della vita dei residenti: assicurare che il sostegno al turismo non comporti costi per la qualità della vita delle comunità locali residenti
9. Benefici per l'economia: accrescere i benefici provenienti dal turismo per l'economia locale
10. Monitoraggio dei flussi, riduzione degli impatti: monitorare i flussi di visitatori indirizzandoli verso una riduzione degli impatti negativi 


L’obiettivo che si è proposto il Bio-Distretto del Casentino:

Coniugare il valore delle produzioni biologiche presenti sul territorio con il valore naturalistico, ambientale e paesaggistico del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi.

Per realizzare questo obiettivo alcuni soci del Bio-Distretto hanno adottato uno dei patriarchi verdi del Parco e consegnano ai propri clienti una scheda informativa che riporta i dati dell'albero, dove si trova e come raggiungerlo.

A.S.D. EquinaturaIl castagno della Pegaiola
Az. agr. Podere Le Rocche: Tiglio (Campigna)
Az. agr. Ornina: Roverella (Stia)
Az. agr. La Casetta delle Erbe: Abete bianco (Chiusi della Verna)
Az.agr. Consorti Sergio: Tiglio (Bagno di Romagna)
Fattoria di Selvoli: Il Frassino della Melosa
Az. agr. Cerofolini Paolo: L'Abetone delle Carbonaie
Az. agr. Amici del Cerro: Cerro (Chiusi della Verna)
A.P.S. Gli Amici dell'Asino: Faggio (Stia)
Fattoria Poggio di Dante: Castagno Miraglia